Miliardi di dispositivi connessi significano miliardi di opportunità per le aziende che sapranno sfruttare l’Internet delle cose. 

L’Internet of Things (IoT) è ancora un mercato nascente, ma in rapida crescita.

La società di ricerche IDC prevede che, a livello internazionale, genererà un volume d’affari da 1.460 miliardi di dollari entro il 2020, 700 miliardi di dollari in più rispetto all’anno scorso.

Un mercato da mille miliardi di dollari significa che molte aziende ne vorranno una fetta. Chi sono i leader dell’IoT?

Aziende 2L’economia industriale è alle soglie di una rivoluzione: la sua digitalizzazione. La trasformazione, globale e intersettoriale è già in corso e a regime, al massimo entro il 2020, avrà prodotto impatti profondi alla tempistica nel business, un sommovimento tettonico nei differenti settori industriali, con una concorrenza transettoriale e la mutazione dello stesso mercato delle tecnologie.

Il digitale diventa business e il business diventa digitale: si entra nell’era dell’economia industriale digitalizzata (Eid).

La confluenza tra le ormai famose 4 forze, social, mobile, cloud e informazione sta ridefinendo l’Information technology e spinge ormai anche la digitalizzazione dei diversi settori d’industria e delle aziende: è cambiato il modo con cui acquistiamo/consumiamo e la capacità dei produttori di beni di modellarsi su queste nuove modalità di acquisto determinerà i nuovi vincenti e perdenti (un esempio per tutti l’industria della musica dove le Case di produzione, dopo una iniziale chiusura alla fruizione di contenuti via Internet, hanno dovuto rivedere il proprio modello aprendosi a questo canale).

Nel terremoto del panorama competitivo, i Ceo sanno di avere due sole scelte: costruire un’impresa leader nel digitale o essere lasciati indietro.

Aziende 4“Nella catena del valore delle aziende completamente digitalizzata o nel suo ecosistema, tutto avviene a velocità accelerata, l’informazione è l’asset critico, determinante per ogni scelta. Per ogni settore si aprono nuove possibilità”, lo si afferma, illustrando i diversi livelli nei quali questa condizione impatta:
– migliorano i processi di business, come ci si aspetta, ma anche prodotti, servizi e processi core, così come l’esperienza del cliente o cittadino. Un esempio: SenseAware di FedEx per i pacchi sensibili usa sensori che assicurano un monitoraggio remoto in quasi real time per temperatura, località e ritardo; il processo così migliorato salva vite umane arrivando a dare l’alert al chirurgo quando il pacco che contiene un organo per un trapianto è a destinazione;
– emergono nuovi modelli di business. Celebre l’esempio di Nike che produce materiale sportivo teleconnesso che sconfina nello healthcare;
– il cruciale differenziatore diventa il “momento di business”. Avrà successo chi sfrutterà dinamicamente momenti transitori, cogliendo opportunità di business impreviste, imprevedibili e immediate, che vengono a determinarsi da un concatenamento di eventi, digitali naturalmente.

E per arrivare da leader al 2020, ci sono tre sfide per i prossimi tre anni: la digitalizzazione industriale; i fornitori It; l’informazione.

www.sfc.company